lunedì 25 settembre 2017

Mazze di tamburo

Trovare una dozzina di mazze di tamburo quasi sulla porta di casa e non sapere come cucinarle. Alla fine ho ascoltato il vicino esperto (anche lui a dieta come me) e abbiamo concluso che la cosa migliore per noi era essiccarle per utilizzarle come insaporitore in altre pietanze. Detto e fatto. Una notte in essiccatore a 52°C e poi sigillate sotto vuoto.
L'altra ricetta era farle impanate e fritte (per noi off limits). Un paio, le più piccole, le abbiamo passate in forno con un filo d'olio e aglio e non sono un granchè.




sabato 16 settembre 2017

Torta alta di mele "leggera"

La torta alta di mele di Natalia Cattelani ci è piaciuta moltissimo, ma dieta incombente, ho provato ad alleggerirla sostituendo o diminuendo alcuni ingredienti e ho scoperto che, tenute ferme alcune componenti, non ne risente molto, né come sapore e neppure come consistenza. La versione ultima e' questa:


Ingredienti:
5                          mele renette
3 cucchiaini           cannella
30 gr                    zucchero
4                          uova intere
100 gr                   zucchero
10 foglie               stevia essiccata e polverizzata
200 ml                  panna
1                          limone grande (solo succo)
400 gr                   farina 0
1 bustina               lievito per dolci (o 3 cucchiaini)
50 gr                     gherigli di noci o pinoli

 circa 3400 cal  (la versione normale arriva a 4900 cal)

Preparazione:
Accendere il forno statico a 175°C.
Imburrare una tortiera alta (tipo quelle da chiffon cake) con lo "staccante".
Sbucciare e tagliare a cubetti le mele, metterle in una ciotola mescolandole con la cannella e 30 gr. di zucchero.
Montare le 4 uova con i 100gr di zucchero e la stevia, aggiungervi la panna ed il succo di limone. Setacciare la farina con il lievito ed aggiungerla alle uova, poco a poco e sempre mescolando per non formare grumi.
Mescolare le mele alle uova e farina, versare nello stampo e spargere sulla superficie le noci spezzettate grossolanamente (i pinoli sono più calorici)i
Infornare a 175°C per circa 60', o fino a coloritura della superficie e fare la prova stecchino prima di sfornare.

Rotolo di frittata di patate e cipolla con funghi e taleggio


Ingredienti:
1000 gr                  patate
1                            cipolla dorata piccola
10                          uova
100 gr                    parmigiano
q.b.                        sale
q.b.                        pepe
q.b.                        cannella
q.b.                        olio extravergine di oliva
50 gr                      farina 00
q.b.                        noce moscata
50 gr.                     burro
500 ml                   latte
800 gr                    funghi misti
1                            spicchio d'aglio
150 gr                    taleggio

Preparazione:
Pelare ed affettare sottili le patate , spezzettarle in piccoli pezzi, salarle e cuocerle in poco olio in cui si è soffritta la cipolla.
Preparare la besciamella con burro, farina, sale, noce moscata e 500 ml di latte.
Rosolare i funghi in poco olio con uno spicchio d'aglio, sale e pepe.
Sbattere in una ciotola 10 uova, salare, pepare e aggiungere 100 gr di parmigiano grattugiato. Unire le patate fredde con una spolverata di cannella e versare la mistura in una placca da forno di circa 30x40 cm rivestita di carta forno. Infornare a 175°C fino a doratura della superficie, sfornare e subito arrotolare con tutta la carta forno per dare la forma alla frittata. Lasciar raffreddare.
Unire i funghi, un po' tritati, alla besciamella ed affettare il taleggio.
Srotolare la frittata quando è ancora un po' calda e distribuirvi il taleggio e la besciamella, ricomporre il rotolo, avvolgerlo in pellicola e far raffreddare per affettarlo al meglio. Al momento dell'utilizzo riscaldare  brevemente le fette  in microonde.






 
Osservazioni: Lo stampo dietro la teglia è prezioso per mantenere in forma il rotolo mentre si raffredda.

martedì 12 settembre 2017

Insalata di riso leggera



Ingredienti
200 gr.              riso carnaroli integrale
300 gr.              tonno sott'olio
180 gr.              fagioli borlotti lessati
300 gr.              pomodori rossi e verdi in agrodolce (11 settembre 2013)
80 gr.                olive verdi
50 gr.                pomodori secchi sottolio

Preparazione:
Lessare il riso al dente, scolarlo e farlo raffreddare all'aria. Scolare bene il tonno e spezzettarlo, scolare i pomodori,  asciugarli e tagliarli in piccoli pezzi. Asciugare i pomodori secchi e tritarli grossolanamente. Tagliare le olive e unire tutto, compresi i fagioli, al riso.

Osservazioni: 
Nella foto ci sono anche ovetti sodi pallidi della gallinella che ama mangiare "in bianco", orzo, avena, frumento e riso e disdegna il granoturco.
Ci starebbe bene anche un po' di cipolla affettata molto finemente.

giovedì 31 agosto 2017

Tortino di pane e pomodori


C'era una volta...una pagnotta di semola rimacinata di grano duro che non mi era riuscita molto bene. Mi dispiaceva sprecarla e allora, ricordandomi i  pomodori ripieni di riso, l'ho usata a fette sottili per un tortino con gli ultimi pomodori.

Ingredienti:
q.b.                  pane di semola di grano duro
4-5                   pomodori tondi
1 barattolo        polpa di pomodoro
1 cucchiaio       prezzemolo tritato
1 cucchiaio       origano
1 manciatina      foglie di basilico
q.b                   sale
q.b.                   pepe
q.b.                  sugo pronto di pomodoro
1                       mozzarella
1                       scamorza

100 gr               parmigiano grattugiato
q.b.                   olio extravergine di oliva

Preparazione:
Tagliare i pomodori a pezzi in una ciotola, aggiungere la polpa pronta,  prezzemolo, basilico, origano, sale e pepe. Frullare con un minipimer. Affettare molto sottile il pane e stendere le fette sul fondo di una pirofila oliata, cospargere con olio, qualche mestolo del frullato di pomodori, mozzarella a fette, poca scamorza e parmigiano.   Continuare con altri 2 strati e sull'ultimo mettere scamorza a dadini, parmigiano, sugo pronto di pomodoro e foglie di basilico. Terminare con un filo di olio extravergine di oliva. Infornare a 200°C.

Osservazioni:
Come dicono le figlie - non è un piatto da mettere sul blog - ma è molto gustoso e profumato.

sabato 26 agosto 2017

Pane di farina semiintegrale con licoli.


Ingredienti:
50 gr                      lievito madre liquido
500 gr                    farina di tipo 2
350 gr                    acqua
1/2 cucchiaio raso   sale

Preparazione:
Unire 50 gr di licoli a 500gr di farina semi integrale (Spadoni macinata a pietra 2) e a 350 di acqua. Impastare a mano e alla fine aggiungere mezzo cucchiaio raso di sale. Mettere la massa  in una ciotola unta con olio e metterla in frigorifero chiusa con coperchio.
La mattina successiva riportare l'impasto a temperatura ambiente e quindi lavorarlo ogni mezz'ora facendo pieghe senza strapparlo. Quando la lievitazione si è riavviata portando la massa al raddoppio  ho delicatamente appoggiato l'impasto in una teglia, coperto con un panno a lievitare ancora un poco e quindi l'ho infornato a 240°C .

Osservazioni:
Come primo esperimento mi è andata bene, ne è uscito un pane morbido dalla crosta croccante. Devo fare pratica sulla formazione e la cottura.

venerdì 25 agosto 2017

Pizza parigina con cipolle di Tropea



Ieri ho deciso di provare a trasformare il lievito madre solido in licoli, cioè lievito madre liquido. Ho preso 10 grammi di pasta madre appena rinfrescata e l'ho unita a 100 gr di farina Manitoba e 100 gr di acqua, ho mescolato bene con una forchetta, messo in un vasetto segnando il livello e ho atteso il raddoppio della massa per fare il successivo rinfresco. Dopo 7 ore era raddoppiato. Ne ho prelevato metà da utilizzare per un impasto di pane e all'altra metà ho aggiunto parti uguali di farina Manitoba e acqua. Ho segnato di nuovo il livello e aspettato il raddoppio per mettere in frigorifero. Premetto che fa molto caldo e quindi anche i lieviti sono più attivi, ma dopo 4 ore era già raddoppiato.

dopo 20 ore a +4°C
 

I circa 100 gr che avevo tenuto da parte li ho uniti a 1000gr di farina semi integrale (Spadoni macinata a pietra 2) e 700 di acqua. Ho impastato a mano e alla fine ho aggiunto un cucchiaio raso di sale. Ho suddiviso la massa in due parti e le ho messe, dopo avere impastato ancora un poco, in due ciotole unte d'olio e le ho infilate in frigo chiuse con i rispettivi coperchi.
Stamani le ho riportate a temperatura ambiente e le ho lavorate ogni mezz'ora facendo pieghe senza strappare l'impasto. Quando la lievitazione si è riavviata portando le masse al raddoppio ne ho delicatamente disteso una in una teglia, l'ho coperta con le cipolle di tropea (3 grosse cipolle) fredde che avevo precedentemente affettato e stufato con poco olio, sale e peperoncino. Ho coperto il tutto con pasta sfoglia integrale "finestrata" su cui ho ribattuto i bordi della pasta di pane e ho lasciato lievitare per una mezz'ora abbondante. Infornata a 200°C in forno ventilato.


Osservazioni:  non male come inizio.